Sempre più cittadini si rivolgono agli sportelli regionali

A Brescia oltre 3500 nuovi accessi

Lo dimostra l’incremento degli accessi agli sportelli di SpazioRegione, pari al 20 per cento rispetto al 2017, emerso dalla rilevazione semestrale dei contatti presso i 14 sportelli regionali attivi presso tutte le sedi degli Uffici territoriali regionali (Utr), messo in luce nell’informativa alla Giunta proposta nella seduta odierna dall’assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori. Lo spazioRegione di Brescia si conferma, tra i 14 sportelli regionali, uno dei piu’ attivi (+3521 accessi), dal momento che ha visto aumentare sensibilmente le visite dei cittadini alla ricerca di informazioni attraverso la modalita’ di relazione diretta, passando dai 12.151 contatti dei primi sei mesi del 2017 ai 15.670 dei primi sei mesi del 2018. “Il monitoraggio dei contatti avvenuti presso i 14 sportelli regionali che lavorano in rete tra di loro – ha commentato Sertori – attesta infatti circa 126 mila contatti nel primo semestre (da gennaio a giugno), con una media di 21 mila accessi al mese nel 2018, rispetto ai 17 mila e 600 dell’anno precedente. Il picco maggiore e’ stato rilevato nel mese di maggio, per la presentazione di oltre 73 mila domande relativamente al bando regionale ‘Dote scuola 2018′”. L’obiettivo degli sportelli SpazioRegione e’ quello di potenziare il rapporto di dialogo con i cittadini, promuovendo e rendendo piu’ facile l’utilizzo dei servizi messi a disposizione da Regione Lombardia. “I dati – continua Sertori – testimoniano l’importanza della presenza sul territorio degli sportelli regionali. Nati con l’intento di garantire informazioni di interesse collettivo e di agevolare l’utilizzo delle opportunità offerte agli utenti da Regione”. “Questi uffici – conclude l’assessore – rappresentano uno strumento efficace per ridurre i tempi di risposta e concentrare in un solo luogo tutte le informazioni utili non solo al singolo cittadino, ma anche ai soggetti istituzionali locali, alle parti sociali e, non da ultimo, alle associazioni. Ora si rendera’ necessario, adeguatamente al flusso di utenza, rivedere la programmazione dei nuovi bandi e delle nuove misure allo scopo di prevenire ogni tipo di sovrapposizione che possa causare problematiche nelle pratiche istruttorie o agli uffici dedicati”.

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Guarda SeinTv!

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]