La simulazione in campo didattico è uno strumento estremamente efficace per l’acquisizione di competenze professionali. Consente infatti di integrare le conoscenze teoriche con le abilità pratiche al fine di gestire gli imprevisti e mettere gli operatori nelle condizioni di fronteggiare situazioni potenzialmente rischiose. Non a caso, infatti, nasce nel mondo dell’aeronautica proprio allo scopo di preparare i piloti a gestire le emergenze. Risulta, quindi, auspicabile inserire la simulazione all’interno di un processo formativo. È per questo che Fondazione Poliambulanza ha deciso di dotarsi di un Centro di simulazione ad alta fedeltà, rivolto al personale medico infermieristico ed ostetrico che opera in ginecologia-ostetricia e neonatologia, un ambito che richiede estrema delicatezza e attenzione. Per raggiungere questo importante traguardo, Poliambulanza ha dato il via ad un progetto di fundraising, a cui hanno aderito importanti aziende bresciane. Un’iniziativa che non si esaurisce nell’acquisizione delle strumentazioni necessarie ma che vuole creare le basi per un networking attivo ed integrato e per un’offerta di servizi al territorio sempre più evoluta. Il progetto verrà illustrato il prossimo 15 marzo alle ore 11.30 con una conferenza stampa presso il Teatro Grande di Brescia. All’incontro presenzierà Laura Castelletti, Vice Sindaco di Brescia, Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Fondazione Poliambulanza, Sabrina Maioli, Responsabile della Formazione di Fondazione Poliambulanza, Umberto Angelini, Sovrintendente e Direttore artistico del Teatro Grande e Matteo De Maio, Direttore Generale di BTL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]