Case Aler regole uguali per italiani e stranieri

“Agli stranieri vengono chiesti gli stessi documenti che devono produrre gli italiani. Da parte nostra ci stiamo attivando con le Prefetture e i Consolati perché in tutti in Paesi extraeuropei sia possibile ottenere la certificazione che attesti i redditi o i possedimenti patrimoniali. Da questo punto di vista è emblematico l’esempio del Comune di Sesto San Giovanni dove due sentenze, hanno respinto i ricorsi presentati da alcuni cittadini stranieri, confermando che l’applicazione che la normativa regionale è legittima”. Così l’assessore alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità della Lombardia replica a chi sostiene che alcuni sindaci, nell’applicare la legge regionale, discriminano gli immigrati regolari. “Tutto deve avvenire all’insegna della trasparenza e della legalità – ha proseguito –  Regione Lombardia ha un solo obiettivo: fare in modo che la ‘competizione’ per ottenere un alloggio pubblico sia trasparente e regolare”.

L’assessore ha quindi posto l’attenzione “sull’impegno costante che Regione Lombardia sta dedicando a questo tema” evidenziando come “negli ultimi 5 mesi si registra un aumento degli appartamenti recuperati (sfitti o da ristrutturare) pari a 1.300 unità, il che porta il numero complessivo di quelli disponibili a 2.584 unità, rispetto ai 1.284 che erano a dicembre sul totale di 4.560 (57%)”. I dati aggiornati sono disponibili consultando il ‘contatore monitoraggio Regione Lombardia’ a questo link: http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/zero-sfitti-aler .

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net