“Nessuna diretta competenza regionale sulle scelte possibili per il depuratore del Garda”. Lo ha ribadito l’assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni. “La Regione Lombardia – ha spiegato – non ha competenze dirette nella programmazione, approvazione e realizzazione dei progetti infrastrutturali del servizio idrico integrato ne’ tantomeno la loro localizzazione. Tali competenze sono infatti attribuite per legge all’Ente di governo dell’ambito, cioe’ la Provincia e il suo Ufficio d’ambito, in base all’art.158-bis del d.lgs 152/2006 (Codice unico dell’ambiente). Nei mesi scorsi Regione Lombardia e’ stata sollecitata al fine di facilitare esclusivamente il confronto e la circolazione delle informazioni in merito al progetto di collettamento e depurazione delle acque reflue urbane delle aree di sponda del lago di Garda. Quindi, chi detiene le competenze decisionali in merito alla questione, nelle difficolta’ di trovare soluzioni e nelle relative polemiche territoriali, non scarichi le proprie responsabilita’ a Regione Lombardia attribuendo ad essa competenze per legge inesistenti”.

close

Non perderti la nostra nuova offerta!

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]