Introdurre carta d’identità dei cibi nei ristoranti

La DOP più consumata al mondo – portabandiera Lombardia
“Il Grana Padano è il prodotto DOP più consumato al mondo. Un portabandiera della Lombardia e dell’agricoltura italiana. Vogliamo aiutare le nostre eccellenze a sviluppare le esportazioni e anche a essere maggiormente valorizzate sul mercato interno. Ci faremo promotori di un’azione congiunta con i ristoratori per tutelare anche nei ristoranti la qualità e la distintività dei formaggi”. Lo ha detto Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, intervenendo all’Assemblea del Consorzio di tutela del Grana Padano a Castelnuovo del Garda (BS).”Concordo con il Consorzio – ha proseguito Rolfi -: è necessario introdurre la carta d’identità dei cibi nei ristoranti, affinché i consumatori sappiano da dove arriva e chi produce il cibo servito, partendo da formaggi per i quali oltre la metà del prodotto utilizzato nella ristorazione è un similare. Questa proposta serve anche per non ingannare i consumatori”. ulle sanzioni alla Russia è stata l’Unione europea a far del male ai nostri prodotti, togliendo una fetta importante di mercato a chi è vocato alla internazionalizzazione. Per questo serve un’azione più incisiva e rapida, per tutelare i nostri produttori e supportarli nella promozione sul mercato americano in questa fase critica”. Preoccupazione per la Pac “Siamo preoccupati – ha concluso Rolfi – per una programmazione della Pac che non arriva e che sta assumendo i contorni più di una politica ambientale che agricola. Continueremo a chiedere che la gestione del Psr rimanga regionale. È un valore imprescindibile per le nostre aziende”.

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net