L’Agenzia del TPL di Brescia ha inviato in Regione la richiesta urgente per l’armonizzazione dei servizi in Lombardia.

L’Agenzia del TPL di Brescia ha trasmesso in Regione Lombardia al Presidente, Attilio Fontana, e all’Assessore alla mobilità,  Claudia Terzi, una richiesta urgente di armonizzazione dei servizi di Tpl. Anche per i Trasporti pubblici locali va infatti assunta la responsabilità finalizzata a contrastare una emergenza sanitaria che si è resa ancora più esplicita con le recenti decisioni del Governo ed il coinvolgimento dell’intera Lombardia, con la limitazione della circolazione delle persone, sia all’interno che verso l’esterno. Con l’invito esplicito e pressante a diradare le occasioni di trasferimento, limitandole ad esigenze lavorative, a casi di necessità e a motivi di salute. Di seguito il testo della lettera. Egregi Sigg. Presidente ed Assessore, con riferimento alle disposizioni recentemente emanate dal Governo e da Regione Lombardia riteniamo opportuno venga considerata la necessità di assumere un orientamento di carattere regionale, riguardante il TPL, con particolare riferimento al livello quantitativo, con relative frequenze, assicurato dal servizio stesso. Le scelte di riduzione o di sospensione, effettuate nelle settimane precedenti, hanno riguardato principalmente la parte del Trasporto pubblico scolastico. La novità del Decreto del Governo, come è noto, è finalizzata ad assicurare la riduzione al minimo di tutti gli spostamenti delle persone, se non strettamente necessari. Chiaro il messaggio, veicolato da tutti i giornali: state in casa! Messaggio che entra evidentemente in contrasto con l’idea di mantenere l’attività del servizio di trasporto ai livelli sostanzialmente precedenti. Senza peraltro dimenticare l’evidente dispendio di rilevanti risorse economiche per mezzi pesantemente sottoutilizzati. Il possibile contrasto tra i due principi – diritto di movimento e sicurezza sanitaria – riteniamo possa essere ragionevolmente affrontato ricorrendo non già al blocco delle corse, ma ad una loro significativa riduzione, da definire in base ad indirizzi di livello regionale (più che con decisioni, tra loro diverse, di singole Agenzie), nel confronto con Prefetture, Agenzie TPL, Rappresentanze di Enti Locali, Aziende, OO.SS. Quindi con scelte corrispondenti all’aggravamento della situazione registrata in questa ultima fase. 

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net