Solo in Italia si trovano aziende così magnanime da regalare azioni ai dipendenti. Lo fece nel 1997 l’Alitalia quando era (già) in grande difficoltà – senza peraltro uscire dalla crisi in cui resterà impantanata fino ai giorni nostri. Oggi è pronta a farlo Atlantia, la holding del gruppo Benetton, che punta anche in questo modo a evitare la revoca della concessione. In questa fase di caos per l’emergenza Covid-19, con i riflettori spenti sulla sorte di Autostrade per l’Italia, la trattativa con il governo è vicina alla soluzione. Sarà lo Stato, attraverso Cassa Depositi e Prestiti e probabilmente con il supporto del fondo investimenti F2i, a comprare il 51% di Aspi, che dunque non verrà messa sul mercato. Un modo per tenere alto il valore del pacchetto messo in vendita, che dovrebbe aggirarsi tra 4 e 5 miliardi: soldi che torneranno nelle tasche dell’azionista di maggioranza. Il governo nella trattativa con  Atlantia sta concordando un piano tariffario ( sottratto alla competenza dell’Autorità dei trasporti) che non mina lo stato di salute di Aspi, ha lasciato indefinito il quantitativo del risarcimento/penale da pagare dopo il crollo del ponte Morandi, e sta valutando il valore di Aspi (attualmente controllata da Atlantia per l’88%). Il prezzo che il Governo intende far pagare ad Atlantia, al posto della ben più salata e delegittimante revoca della concessione, è la perdita del controllo di Aspi. Nonostante l’Italia si sia dimenticata della tragedia del Ponte Morandi, questo accordo ha bisogno di un ulteriore consenso: ecco quindi in arrivo mille euro di azioni gratis per i 12mila dipendenti del gruppo, con i sindacati dei trasporti e confederali che parleranno prevedibilmente di un successo e dell’avvio di una nuova fase di democrazia economica. In realtà, l’accordo altro non è che un ritorno all’intervento dello Stato nella gestione dei servizi, per mezzo di una manovra a tenaglia che ha un forte sapore corporativo e antiriformista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]