Il Presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, ha approvato il progetto “Brescia Provincia Accogliente 2020/2021” proposto dal coordinamento provinciale progetti SPRAR, di cui la Provincia di Brescia è ente capofila e alla quale hanno aderito anche i Comuni di Brescia, Botticino, Rezzato e Castenedolo. Attualmente, la provincia di Brescia è caratterizzata dalla presenza di due “sistemi di accoglienza”: CAS – Centri di Accoglienza Straordinaria gestiti direttamente dalla Prefettura, assegnati attraverso bando o proroghe specifiche a soggetti terzi, al cui interno vengono inseriti solo richiedenti protezione internazionale; Sistema SIPROIMI ex SPRAR gestito direttamente dal Ministero dell’Interno e assegnato all’ANCI che a sua volta lo gestisce attraverso il Servizio Centrale. In provincia di Brescia sono 13 i progetti SIPROIMI/SPRAR per un totale di 29 Comuni coinvolti, 9 enti attuatori e 420 posti disponibili per l’accoglienza dei titolari di protezione internazionale o casi speciali. “La nuova linea progettuale – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi – si pone l’obiettivo di favorire l’accesso all’abitare, in modo da determinare una maggiore stabilità dei percorsi di integrazione sul territorio di cittadini richiedenti e/o beneficiari protezione internazionale, umanitaria, casi speciali e motivi di lavoro – ex umanitari”. A tal fine “Brescia Provincia Accogliente 2020/2021” seguirà due linee di attività: la prima più formativa e di sensibilizzazione, mentre la seconda focalizzata su un progetto di Housing sociale. “In continuità con il precedente biennio – ha concluso Alghisi – verranno proposti corsi di formazione per il personale degli Enti Locali e degli Enti attuatori dei progetti SPRAR/SIPROIMI della provincia di Brescia, ed eventi di sensibilizzazione nei territori e negli istituti scolastici bresciani per gli anni 2020 e 2021”. Il progetto intende inoltre attivare una rete di appartamenti, indicativamente uno per ogni ente attuatore/territorio SPRAR, per titolari di protezione internazionale e di protezione umanitaria presenti nel territorio della provincia di Brescia che non riescono a raggiungere l’autonomia abitativa e ad accedere alla casa con un contratto di locazione. Per offrire un’offerta sistemica alla richiesta abitativa e prevenire quindi situazioni di disagio sociale, sarà necessaria una prima fase di individuazione della rete appartamenti in co-abitazione e dei destinatari di questi ultimi. Essenziale sarà poi la gestione e monitoraggio del progetto, con conseguente valutazione e promozione al fine di ispirare nuove proposte. Il costo totale del progetto sarà di € 112.500,00 e verrà sostenuto per il 40% (€ 45.000,00) dalla Provincia di Brescia. Data l’importanza di tale collaborazione, la Provincia ha inoltre approvato il sostegno economico ad ulteriori azioni del coordinamento provinciale progetti SPRAR – Provincia di Brescia, nella misura massima di € 65.000,00.

close

Non perderti la nostra nuova offerta!

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]