Contrasto Violenza Donne: progetti e percorsi formativi nelle Università Lombarde

Promuovere progetti e percorsi formativi nel sistema universitario lombardo sulle tematiche di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne, per l’annualità 2021/2022. È quanto previsto da una delibera approvata dalla giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli, di concerto con il collega Fabrizio Sala (Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione). “L’obiettivo – ha spiegato l’assessore regionale Alessandra Locatelli – è sostenere con 130.000 euro il Sistema Universitario Lombardo nell’attivazione e promozione di progetti e percorsi formativi e di sensibilizzazione sul tema della violenza contro le donne, finalizzati a migliorare la capacità di riconoscere il fenomeno in tutte le sue forme, a  comprenderne le cause e le dimensioni e a costruire un sistema  di competenze multidisciplinari utili alla prevenzione e contrasto  della violenza contro le donne, al fine di concorrere alla specializzazione dei servizi dedicati al tema”. “Alla luce dell’incremento di richieste registrato durante la pandemia, Regione Lombardia – sottolinea l’assessore – si è dotata di un ‘Piano Quadriennale regionale per le politiche di parità e di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne 2020-2023’, che consiste in un pacchetto di azioni concrete e sperimentali senza precedenti, per contrastare il fenomeno”. L’assessore Fabrizio Sala sottolinea quindi quanto sia “fondamentale il ruolo delle Università nel promuovere progetti formativi e di sensibilizzazione su un tema purtroppo di attualità come la violenza sulle donne”. “Con questi percorsi – aggiunge – vogliamo sensibilizzare e fornire gli strumenti per riconoscere, prevenire e contrastare il fenomeno della violenza sulle donne, al fine di creare una cultura condivisa di rispetto vero e di parità tra le persone”. “A queste azioni – prosegue, poi, l’assessore Alessandra Locatelli – riteniamo sia doveroso affiancare anche dei percorsi formativi, per sensibilizzare il settore della comunicazione e dell’informazione in relazione alla attività di ricerca sul tema della violenza contro le donne e per promuovere l’inclusione del tema della violenza nei curricula dei corsi di laurea universitari, al fine di concorrere ad incrementare le competenze dei futuri professionisti dei servizi rivolti alla e donne vittime di violenza”. “Anche questo provvedimento – conclude Locatelli – va nella direzione di sostenere con ancora più forza lo straordinario lavoro che svolgono le reti territoriali, i centri e le case di rifugio e accoglienza”.
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Guarda SeinTv!

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net