GIORNATA MONDIALE CONTRO L’AIDS. L’HIV CI RIGUARDA. IO HO FATTO IL TEST, E TU?

Il 1 Dicembre, in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS, il Comune di Brescia insieme alla Clinica di Malattie Infettive degli Spedali Civili di Brescia e Croce Bianca Brescia, con il patrocinio di ATS Brescia, ASST Spedali Civili di Brescia, Coop. il Calabrone, Coop. di Bessimo Onlus, Arcigay Orlando Brescia, Caritas Brescia e Società Italiana di Malattie Infettive e tropicali (SIMIT) sezione regionale Lombardia, organizza un evento di sensibilizzazione rivolto alla comunità. Il personale sanitario della Clinica di Malattie Infettive sarà a disposizione della popolazione per offrire informazioni; per chi lo volesse ci sarà la possibilità di effettuare il test rapido per HIV in forma anonima e gratuita.

Insieme ai rappresentanti delle organizzazioni patrocinanti verrà allestito in Largo Formentone uno spazio dedicato all’evento in cui saranno presenti, dalle 15 alle 19.30, una ambulanza e due gazebo.

Gli stati membri delle Nazioni Unite, nell’ambito degli obiettivi di sviluppo sostenibile, si sono impegnati a porre fine all’epidemia di HIV, HBV e HCV, e tubercolosi entro il 2030. Al fine di aumentare gli sforzi al raggiungimento di tali obiettivi, nel 2014 è nato il progetto Fast-Track Cities, una partnership globale tra oltre 400 città e comuni basata sulla dichiarazione di Parigi.

Questa importante iniziativa vede quattro partner principali: l’Associazione internazionale dei fornitori di cure per l’AIDS (IAPAC), il Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’HIV/AIDS (UNAIDS), le Nazioni Unite Human Settlements Program (UN-Habitat) e la Città di Parigi.

L’adesione alle Fast-Track Cities significa quindi impegnarsi per gli obiettivi 95-95-95 fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) affinché:

  • il 95 % delle persone con infezione da HIV siano a conoscenza della loro condizione
  • il 95 % delle persone diagnosticate ricevano una terapia antiretrovirale adeguata e
  • il 95 % delle persone in terapia abbiano una viremia pari a zero nella quale, cioè, il virus HIV non sia rilevabile.

La scelta di rendere protagoniste del progetto le aree metropolitane deriva da due fattori fondamentali. Il primo è la consapevolezza che le città rimangono il focus di diffusione dell’HIV; il secondo si basa sul presupposto che iniziative mirate alle diverse realtà locali siano più incisive in quanto in grado di rispondere alle esigenze e peculiarità del territorio. Non esiste quindi un modello Fast-Track City ma piuttosto una serie di buone pratiche che mirano ad obiettivi comuni.

La firma da parte del Sindaco quindi non è una certificazione di eccellenza ma piuttosto la sottoscrizione ad un impegno formale ad impegnarsi congiuntamente a tutti gli attori locali, come Amministrazioni, Enti Sanitari e Terzo settore, verso il comune obiettivo di eliminazione dell’HIV.

Anche Brescia il 21 luglio 2020 è entrata a fare parte delle città Fast-Track City. Alla firma del trattato oltre al sindaco Emilio del Bono erano presenti Bertrand Audoin, Vice Presidente dell’International Association of Providers of Aids Care (Iapac), Francesco Castelli, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dell’Università di Brescia – Spedali Civili, Claudio Sileo, Direttore Generale di ATS e Massimo Lombardo, Direttore Generale dell’ASST Spedali Civili.

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Guarda SeinTv!

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]