Campus Edilizia Brescia ha raggiunto l’obiettivo TELERISCALDAMENTO E 110: UN EMENDAMENTO RENDE POSSIBILI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

Soddisfazione e ringraziamento alle figure e forze politiche che si sono impegnate

BRESCIA – L’impegno e la determinazione dei partner del Campus Edilizia Brescia, insieme alle realtà associative che nella circostanza l’hanno sostenuto nella specifica iniziativa, unitamente al positivo ruolo di alcuni esponenti e forze politiche, hanno consentito di raggiungere un risultato di grande rilievo e soprattutto utile per la città di Brescia. Il riferimento è ai condomini serviti da teleriscaldamento che, in seguito alla normativa che nei mesi scorsi introduceva i nuovi fattori di conversione in energia primaria, per la quasi totalità erano impossibilitati a migliorare il passaggio nominale di classe energetica e di conseguenza a poter beneficiare delle agevolazioni previste dal Superbonus. “Registriamo con grande soddisfazione l’approvazione dell’emendamento che permette di utilizzare il Superbonus anche nel comune di Brescia per gli edifici dotati di teleriscaldamento – commenta il coordinatore del Campus Edilizia Brescia, Massimo Angelo Deldossi, presidente di Ance Brescia – un provvedimento che nasce da una nostra iniziativa. Un risultato di grande rilevanza sociale ed economica per la nostra città, per il quale ringrazio tutti i partner del Campus, le altre organizzazioni che nella circostanza hanno condiviso tale impegno, così come le figure e le forze politiche che hanno risposto al circostanziato appello e che hanno lavorato con determinazione per il bene collettivo: i senatori Adriano Paroli, Forza Italia; Vito Crimi, Movimento 5 Stelle; Stefano Borghesi e Paolo Arrigoni (di Lecco), Lega”. I coefficienti da utilizzare saranno quelli precedenti rispetto alle ultime indicazioni fornite nel corso di questa annualità, come recita il  comma 3-bis: “Ai soli fini della predisposizione degli attestati di prestazione energetica convenzionali di cui al paragrafo 12, dell’Allegato A, al Decreto del ministro dello Sviluppo economico del 6 agosto 2020, recante ‘Requisiti tecnici per l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, per i vettori energetici si applicano sempre i fattori di conversione in energia primaria validi al 19 luglio 2020, anche nel caso di eventuali successivi aggiornamenti degli stessi”. L’evidente paradosso che frenava i lavori detraibili al 110% per gli edifici allacciati al teleriscaldamento è stato quindi sanato.

Campus Edilizia Brescia, al quale tra gli altri partecipano Ance Brescia, Cassa edile, Eseb, Ordini professionali di Architetti, Geometri e Ingegneri, Comune e Provincia di Brescia, Università degli Studi, Confindustria, con Camera di Commercio di Brescia, si è impegnato con tenacia per la risoluzione dell’intricata questione. Impegno risultato vincente e che ha visto partecipi anche: A2A Calore e Servizi, Acap, Aler, Anaci, Apindustria, Associazione Artigiani, Assopadana, Cna, Confartigianato Imprese, Confedilizia, Uppi.

Brescia, 21 dicembre 2021

Ufficio Stampa Baffelli| info@baffelli.com | 030 225732

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Guarda SeinTv!

www.brevinews.net

Copyright © 2019 Brevinews
Registrato presso il Tribunale di Breescia – n° 4/2016

Se hai dei comunicati che vorresti pubblicare sul nostro giornale web inviali alla nostra redazione: redazione@brevinews.net

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]