“Ogni interferenza politica in materia di libero scambio incide negativamente sulla disponibilità dei prodotti e sulla formazione dei prezzi, tanto più in un settore, come quello cerealicolo, in cui ci sono preoccupanti tendenze al ribasso”. 

Il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, interviene così in merito alle dichiarazioni rilasciate oggi dal presidente russo, Vladimir Putin, sull’ipotesi di imporre restrizioni sulle esportazioni di grano dall’Ucraina verso l’Europa e di volerne discutere con la Turchia.

Confagricoltura fa inoltre notare che nei mesi in cui sono cessate le vendite di grano dall’Ucraina per lo scoppio del conflitto a febbraio fino allo sblocco dei porti con l’accordo di luglio, l’Unione europea ha esportato in maggiore misura proprio verso i Paesi più poveri.

“Secondo i dati della Commissione europea, a maggio di quest’anno – evidenzia Giansanti – le esportazioni di grano della UE sono infatti aumentate del 35% sullo stesso mese del 2021. Da sottolineare che l’export verso il Marocco è salito addirittura di oltre il 600% e in Tunisia del 200%”. 

“L’Unione europea – conclude Giansanti – ha quindi svolto una funzione fondamentale per contrastare una crisi alimentare globale. Una funzione resa possibile da un potenziale produttivo che va assolutamente salvaguardato”.

close

Non perderti la nostra nuova offerta!

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
[glt language="Spanish" label="Español" image="yes" text="yes" image_size="24"]